Quando ci troviamo in una condizione di sovrappeso può essere relativamente semplice dimagrire prestando attenzione all’alimentazione ed allo stile di vita in generale, meglio poi se supportati da un nutrizionista che può seguirci durante questa fase.

Molto più difficile, però, eliminare il grasso viscerale che si è depositato nel corso degli anni in zone mirate come addome, fianchi, cosce e glutei: spesso, infatti, una sana alimentazione può non bastare a risolvere questo fastidioso problema che è sia estetico che funzionale (rappresenta il principale fattore di rischio per malattie cardiovascolari, ictus e diabete).

Il primo passo per decidere il trattamento più adatto alla nostra condizione è sicuramente quello di fare una corretta analisi del tessuto adiposo mediante analisi termografica: una tecnologia interamente Made in Italy in grado di identificare gli strati di grasso sottocutaneo per distinguere l’adiposità morbida da quella indurita.

La termografia a contatto è una metodologia di analisi completamente indolore, facile da effettuare e priva di ogni tipo di effetto collaterale, per questo può essere ripetuta più volte, a distanza di tempo, per tenere traccia dei progressi intercorsi.

Si basa sull’utilizzo di lastre termografiche da appoggiare sulla zona da analizzare: in pochi secondi sarà possibile avere un’immagine a colori, ad alta risoluzione, della composizione sottocutanea identificando anche zone non riscontrabili ad occhio nudo o alla palpazione.

Oggi vogliamo parlarvi di un trattamento molto efficace in caso di adiposità localizzata: l’intralipoterapia, una pratica di medicina estetica che può aiutarci a risolvere, definitivamente, il problema: si tratta di una pratica non chirurgica e non invasiva che viene eseguita senza anestesia in quanto indolore.

L’intralipoterapia prevede l’iniezione di alcuni farmaci appositamente studiati per questa tipologia di trattamento che andranno ad agire creando una reazione di apoptosi cellulare (morte delle cellule adipose che verranno poi espulse dal nostro sistema linfatico).

Il trattamento, a seconda della gravità della condizione esistente, prevede un numero variabile di sedute: di solito dalle 4 alle 6, a frequenza mensile.

L’intralipoterapia è una pratica moderna e sicura che permette di tornare subito alle normali attività non presentando particolari controindicazioni. In ogni caso, la valutazione preliminare sulla fattibilità spetta sempre al medico estetico che dovrà poi eseguire il trattamento.